BATTERI “AMICI” PER RENDERE INNOCUO L’AMIANTO: PRODUZIONE DI ENERGIA E FERTILIZZANTI

Ogni anno l’amianto causa migliaia di vittime per la sua tossicità, è infatti un killer “silenzioso” in particolare per le sue temibili fibre.

Tramite l’applicazione di determinati batteri (i lattobacilli) è possibile rendere le fibre di amianto innocue, riciclabili, riutilizzabili dall’industria come beni di consumo, concimi, pitture, metalli preziosi e biodiesel.

Inserendo quindi l’amianto in un impianto a biomassa, l’unione batterio-amianto genera CO2 che può essere riutilizzata per produrre biodiesel.
Da questo processo si ottengono inoltre ioni di calcio a cui basta aggiungere della soda per produrre dell’idropittura per dipingere le pareti.
L’amianto è inoltre composto al 50% di magnesio, un metallo prezioso che può essere generalmente acquisito solo dall’acqua del mare, dove è presente in piccole quantità, mediante un processo elettrochimico.
Sciogliendo l’amianto in una soluzione, è possibile ottenere grandi quantità di magnesio e, cambiando il voltaggio del processo elettrochimico, anche manganese e nichel.
Lo scarto di tutto questo processo è un composto di batteri benefici e silicati, che può essere utilizzato come fertilizzante per le piante.

#amianto #trattamento #biodiesel #energia #innocuo #fertilizzante #salute

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...