Le radici nelle piante che vivono in ambienti estremi

La necessità di assorbire acqua in condizioni ambientali nelle quali l’acqua è difficilissima da trovare ha selezionato l’apparato radicale verso le condizioni di massima efficienza.

  • in alcuni casi le radici sono fascicolate e superficiali, si spingono nel solo strato di sottosuolo dove è possibile recuperare la maggior quantità di acqua e risultano particolarmente estese in lunghezza
  • in altri casi sono formate da un organo principale detto fittone, spesso e carnoso, dal quale si dipartono numerose radici secondarie in grado di formare un fitto intreccio di superficie assorbente

In periodi di siccità prolungata, la pianta non trovando acqua nel terreno azioni i suoi meccanismi difensivi:

  • perde le radici più fini
  • riveste le radici più robuste di una cuticola spessa e superosa per ridurre la dispersione d’acqua

piante #deserto #radici #ambientiestremi #acqua #clima

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...