Autoproduzione delle sementi

L’autoproduzione consente di selezionare quelle piante che nel corso degli anni si sono distinte per la maggiore tolleranza nei confronti dei parassiti o che nonostante l’inutilizzo di prodotti chimici hanno raggiunto ottimi risultati produttivi.

Se possibile iniziare la produzione con sementi della vostra zona o da aree vicine, coltivare almeno 10-15 piante in modo da selezionare le più produttive e le meno sensibili ai parassiti.
Al momento della raccolta scegliere i semi o i frutti meglio sviluppati e sani, prodotti da piante vigorose, prediligendo i frutti posti nella parte bassa della pianta che daranno semi caratterizzati da maggiore precocità.

Dopo raccolti i semi vanno fatti seccare e conservati in buste di carta in luoghi privi di umidità e al buio.

Cosa raccogliere?

Zucchine: raccogliere i semi dopo la completa maturazione dei frutti, scegliendo i semi dalla parte centrale

Prezzemolo: recidere le ombrelle che poi vanno fatte seccare ad agosto

Pomodoro: selezionare i semi da frutti maturi, facendoli fermentare per alcuni giorni in acqua. Poi si fanno seccare

Pisello: si prelevano i baccelli dalla parte più bassa, dopo aver cimato sopra il sesto nodo fiorale.

Fagiolo: non ripetere la coltura sullo stesso terreno per almeno 3 anni, recuperare i semi quando il 75% dei baccelli è ingiallito o annerito

Aglio: utilizzare gli spicchi più esterni meglio sviluppati

#semi #autoproduzione #sanita #parassiti #vigoria

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...