Micronaturale: le potenzialità degli Archeobatteri termofili nelle biotecnologie

Gli Archeobatteri, isolati dagli ambienti sottomarini che sovrastano le sorgenti idrotermali profonde, da cui scaturisce acqua a 250-350°C suscitano un vivo interesse.

Questi microrganismi riescono a crescere e riprodursi a 121°C. Vivono quindi in condizioni proibitive, in particolare per l’assunzione dei nutrienti, metabolismo, replicazione degli acidi nucleici e crescita. Molti di essi sono anaerobi e dipendono dallo zolfo elementare e dallo ione ferrico che agiscono da ossidanti.
La stabilità degli enzimi è un fattore di importanza critica: alcune DNA polimerasi sono per propria natura stabili a 140°C mentre molti altri enzimi sono stabilizzati in vivo medianti termoprotettivi particolari.

Possono essere coinvolti con successo nella produzione del metano, estrazione e recupero dei metalli e nei sistemi a enzima immobilizzato.

La possibilità di sottoporre composti che a basse temperature non si trovano normalmente in soluzione a modificazioni stereochimiche selettive può fornire una indicazione per nuove vie di sintesi chimica diretta.

#archeobatteri #termofili #temperatura #applicazioni #micronaturale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...