Micronaturale: che cosa sono i siderofori?

I siderofori o catturatori di ferro sono composti a basso peso molecolare in grado di complessare lo ione Fe3+ mediante chelazione molto specifica.
Recettori proteici di piante sono poi in grado di trasportare il complesso Fe-sideroforo all’interno della cellula.

Quando tale meccanismo agisce nel terreno è in grado di sottrarre tale ione all’ambiente, sfavorendo quindi la componente microbica del suolo incapace di produrre questi composti.

La capacità di chelare ferro, diminuendo così il suo contenuto nel suolo è alla base dei meccanismi che portano incrementi di crescita nelle piante da parte di P. Fluorescens e P .putida. Tali specie colonizzano l’apparato radicale della pianta sequestrando forti quantità di ferro e inibendo la possibilità di crescita a specie dannose per la pianta.

Un importante fenomeno di “cooperazione microbica” con riflessi sulla patologia vegetale è quello che avviene tra Azobacter vinelandii e A.tumefaciens. La prima specie produce un sideroforo in grado di solubilizzare il ferro presente nel terreno in forma insolubile. A. Tumefaciens è in grado di utilizzare soltanto tale ione nella forma solubile.
La presenza del primo batterio è fondamentale per il secondo, questo fenomeno capita spesso in microbiologia.

#micronaturale #siderofori #rapporto #scambio #ferro #chelazione

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...