Micronaturale: utilizzo Delle zeolititi e agenti per il controllo di afla e micotossine

Numerose sono le sperimentazioni dove si evince la capacità di assorbimento dell’aflatossina B1 da parte di silice, fillosilicati e zeoliti sia naturali (chabasite) che sintetiche dimostrata sperimentalmente da Phillips et al. (1988) e da ricerche in vitro effettuate da Tomasevic-Canovic et al. (1993, 1997, 2002) che hanno definito i coefficienti di assorbimento di aflatossina B1, B2 e G2, zearalenone, ocratossina, vomitossina, tossina T2 da soluzioni elettrolitiche sintetiche simulanti i fluidi gastrici ed intestinali degli animali.

Per la dimostrata loro tossicità e diffusa presenza nei mangimi, afla e micotossine (metaboliti di muffe e funghi il cui sviluppo nei cereali e farine è favorito dall’ambiente umido e dal calore) sono universalmente considerate la causa di gravi danni fisiologici (dimagrimento, depressione, anoressia, diarrea, lesioni emorragiche, malattie renali e del midollo osseo) negli animali d’allevamento con conseguente drastica riduzione del peso corporeo, della produttività e aumento del tasso di mortalità.

Harvey et al (1993) hanno sperimentato l’effetto dell’aggiunta (0.5%) di tre Zeolititi nel mangime contaminato con 3.5 mg di aflatossina per kg di cibo. I risultati dimostrano una riduzione dal 29 al 40% della perdita in peso corporeo.

Altri agenti di controllo delle mico e aflatossine

– Le bentoniti hanno un’azione ottima su Aflatossine (80–100%), ma nulla su Tricoteceni e Zearalenone (ZEA).

– La montmorillonite agente adsorbente esercita una buona azione detossificante su AFB1, ZEA e Deossinivalenolo (DON).

– zeolititi (alcune di più e altre meno) presentano elevata affinità, quindi una ottima attività detossificante, per le aflatossine (80–100%), in particolare per l’aflatossina B1. Buona efficacia anche su DON (50–80%), mentre scarsa su Ocratossina A (OTA) (10–20%), Fumonisina B1 (FB1) (10–20%) e ZEA (10–20%).

– carbone attivo svolge un’efficace azione detossificante su AFB1, Fumonisine e ZEA (80-100%); buona su Tricoteceni (50%).

– Saccharomyces: le pareti di S. cerevisiae esercitano un’azione detossificante su AFB1, OTA, ZEA e T-2. I glucomannani agiscono su AFB1 e AFM1, OTA, ZEA, T-2 e FB1.

– I batteri lattici quali Lactobacillus rhamnosus (ceppo GG), il Lactobacillus rhamnosus (ceppo LC-705) e lo Streptococcus thermophilus (NG40Z e C5) hanno un’azione su DON, FB1 e FB2 e ZEA.

– Le fibre micronizzate hanno un’azione detossificante su OTA.

– La colestiramina (polimero) è una resina a scambio anionico ha un’azione su FB1 e FB2, OTA e ZEA.

– – Il polivinilpirrolidone è un polimero anfotero idrosolubile molto polare ed esercita un’azione detossificante su DON, Aflatossine e ZEA.

#micotossine #aflatossine #controllo #micronaturale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...