La coltivazione MICRONATURALE Delle Mammillarie

Furono descritte da Linneo come Cactus mammillaris nel 1753, facendo derivare il nome di mamila con riferimento ai tubercoli tipici di queste piante.

È uno dei generi più ampi nell’ambito della famiglia delle Cactacee, la sua origine si identifica nel Messico e nel sud degli Usa, in ambienti desertici, predesertici, praterie e steppe. La caratteristica principale di questo genere è lo sviluppo di un’areola che è divisa in due parti separate, una si trova all’apice del tubercolo, l’altra alla sua base.
Le piante sono piccole, globose o allungate, possono essere solitarie o presentarsi in gruppi.

Consigli di Coltivazione

Sono piante a crescita lenta, che hanno bisogno di molto calore e posizione soleggiata. D’inverno vanno tenute a secco e il rinvaso va eseguito a febbraio-marzo se necessario.

Anche se alcune specie resistono a -10°C nel dubbio andrebbero tenute a -5°C.

La moltiplicazione avviene per seme, talea o pollone

Per il substrato:

– 1 parte di terriccio per acidofile
– 1 parte di sabbia
– 1 parte di chabasite 3-6 mm
– 1 parte di pomice
– 1% farina di ossa

Irrigazione in primavera con Gea suolo 5% ogni 15 giorni.

#micronaturale #mammillaria #cactus #coltivazione #chabasite #microrganismi #cecarini #peppecastronuovo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...