La coltivazione MICRONATURALE di Crataegus oxyacantha

Il biancospino, in alcune varietà a fiori più grandi e doppi, si incontra nei giardini non soltanto per la formazione di siepi, ma anche per boschetti o piante foggiate ad alberello ed isolate su prati.
Il C. si adatta a qualsiasi terreno ma preferisce quelli di medio impasto tendenti all’argilloso e freschi. La moltiplicazione Delle varietà si fa per innesto sopra soggetti ottenuti dal seme.

Consigli per l’innesto

Per la chiusura dello spacco dopo l’innesto fare una pasta costituita da:

– 500 g di chabasite micronizzata
– succo di aloe vera 100 ml
– estratto di propoli 100 ml
– Ema 50 ml
Aggiungere acqua fino ad ottenere una pasta modellabile e applicabile sul tronco.

Questa pasta è applicabile in tutti i casi in cui bisogna chiudere Delle ferite sugli alberi o arbusti.

#micronaturale #crataegus #innesto #ferite

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...