Micronaturale: la coltivazione della tillansia

La Tillandsia è un genere di pianta originaria del centro America che non ha bisogno né di terreno né di radici per sopravvivere perché trae il proprio nutrimento dall’umidità dell’aria. Ne esistono oltre 500 specie e possono sopravvivere in molti habitat diversi a patto che la temperatura non scenda troppo sotto i 10 °C e che il tasso di umidità presente nell’aria rimanga alto. Generalmente la Tillandsia vive sulle rocce o sulle cime degli alberi ma non ha problemi ad insediarsi sui pali della luce e sulle antenne televisive, né tantomeno disdegna la vita in appartamento.

Come vivono esattamente queste piante? L’umidità è catturata grazie alla particolare conformazione dell’epidermide, fornita di strutture chiamate tricomi che restano aperti quando la pianta è secca e si richiudono quando la soglia di umidità è alta per impedirne l’evaporazione. In altre parole queste piante catturano l’umidità trattenendola, ma la cosa maggiormente interessante è che esse catturano anche il pulviscolo atmosferico che contiene agenti inquinanti: questo fa di loro delle piante utilizzabili come biorivelatori di inquinanti atmosferici, in particolare delle sostanze provenienti dalla combustione della benzina e del gasolio.

#tillandsia #coltivazione #purificazione #aria #micronaturale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...