Micronaturale: Le barriere fisiche e chimiche delle piante nella resistenza ai patogeni

La resistenza preinfezionale è basata su barriere fisiche e chimiche.
Le prime sono rappresentate dagli strati cuticolari contenenti cutina e suberina, che avendo carica negativa come le cellule batteriche contribuiscono a sfavorire i contatti.

Anche gli strati cerosi, impedendo l’accumulo d’acqua sulla superficie fogliari, sfavoriscono l’insediamento dei batteri.

Altri meccanismi come la formazione di suberina nelle cellule lenticellari e gli elementi vascolari dello xilema, lignificati e suberificati, proteggono dall’attacco dei batteri.

Tra le sostanze chimiche ad azione antibatterica si ricorda l’aminoacido omoserina in Pisello. Tale aminoacido è tossico verso tutte le pseudomonadi.
Variazioni di concentrazione nelle foglie di aminoacidi come serina, idrossilisina, prolina e metionina sembrano responsabili dello sviluppo di X. citri, mentre i terpenoidi in alcune cultivar di cotone sono alla base della resistenza nei confronti di X. Malvacearum.

Nel pero un evidente azione antibatterica nei confronti di Erwinia amylovora è svolta dall’idrochinone, mentre nel melo la stessa azione sembra essere svolta dalla floretina.

#micronaturale #barriere #preinfezionali #controllo #patogeni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...