Micronaturale: La degradazione con l’uso delle piante e i tipi di fitorisanamento

Il fitorisanamento ovvero l’uso delle piante allo scopo di stimolare l’estrazione, la degradazione, l’adsorbimento e la stabilizzazione o volatilizzazione, sta diventando una tecnica di biodegradazione sempre più promettente.

Una pianta fornisce nutrienti che permettono al cometabolismo di agire nella zona radicale o rizosfera.

I tipi di fitorisanamento:

Fitoestrazione: uso di piante in grado di accumulare inquinanti per rimuovere i metalli e le sostanze organiche dal suolo concentrandoli in porzioni della pianta recuperabili

Fitodegradazione: piante e Microrganismi associati per degradare inquinanti organici

Rizofiltrazione: radici delle piante per assorbire e adsorbire, gli inquinanti

Fitostabilizzazione: piante per ridurre la biodisponibilità degli inquinanti nell’ambiente

Fitovolatilizzazione: piante per volatilizzare le sostanze inquinanti

#micronaturale #fitoestrazione #microrganismi #fitodepurazione #piante
**********************************************
Potete seguire anche il mio blog: domenicoprisa.com
scrivermi a domenicoprisa@gmail.com
pagina facebook: @dott.domenicoprisa
gruppi: microrganismi em:protocolli e applicazioni
Apicoltura Micronaturale: protocollo domenico prisa
o il canale youtube Agricoltura Micronaturale
******************************

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...