Coltivazione e difesa di piccoli frutti con tecniche innovative senza chimica

L’utilizzo di zeolitite a chabasite e di microrganismi simbionti, può garantire una migliore crescita delle piante, in quanto grazie alle zeolititi gli apparati radicali, hanno la possibilità di avere a disposizione un maggior quantitativo di acqua e nutrienti che non vengono dispersi nel suolo. I microrganismi oltre a tirare fuori i nutrienti intrappolati nella struttura di questi allumino-silicati, sono in grado di tessere delle ragnatele nel suolo che possono raggiungere anche 100m. Questo favorisce maggiore possibilità di superare i periodi di stress idrico.

In questa sperimentazione vengono messi in evidenza dal dr. Prisa, alcuni dati produttivi della coltivazione di piccoli frutti

 

ribeslampone

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...