Micronaturale: i composti salutistici degli ortaggi

L’attenzione dell’opinione pubblica e dei nutrizionisti sulle proprietà salutistiche dei prodotti ortofrutticoli è aumentata negli ultimi anni.
In generale si ritiene che il consumo di vegetali freschi eserciti un ruolo protettivo verso lo sviluppo di patologie come tumori e malattie cardiovascolari, principalmente perché contengono un’elevata quantità di fibra alimentare e diversi metaboliti secondari.

Molti di questi fitochimici funzionano come agenti antiossidanti, le funzioni benefiche si esercitano anche a basse concentrazioni, quindi è ragionevole pensare che questi composti stimolino Delle attività enzimatiche endogene o agiscono a livello ormonale.

Gli antiossidanti possono essere distinti in due categorie:
– antiossidanti primari, che reagiscono con i radicali lipidici convertendoli in prodotti più stabili
– antiossidanti secondari che agiscono sullo stato di iniziazione della reazione a catena con diversi meccanismi d’azione.

Il pomodoro rappresenta una delle principali fonti di vitamine (vitamina C e vitamina A). I carotenoidi in particolare il licopene sono i composti bioattivi che più di ogni altro caratterizzano il pomodoro.

Il componente più attivo nella melanzana è la nasunina, un’antocianina che conferisce il colore viola al pericarpo. Ha diverse attività benefiche, anche se la maggiore attività antiossidante è svolta dall’acido clorogenico.

I peperoni sono ricchissimi di vitamina C e diversi flavonoidi derivati di quercitina e luteolina mentre nelle varietà più piccanti si trovano i derivati della capsaicina

Il carciofo svolge attività antibatterica, anti-HIV, epatoprotettiva e coleretica, e la capacità di inibire la biosintesi del colesterolo.

Nella lattuga l’acido clorogenico e gli altri acidi fenolici sono accompagnati da diversi flavonoidi, derivati da kampferolo e quercitina.
Gli spinaci sono uno degli ortaggi con la più alta capacità antiossidante legata alla presenza di elevate quantità di acido ascorbico. I principali flavonoidi sono patuletina, spinacetina, jaceidina.
Il melone e l’anguria sono noti per la elevata concentrazione di zuccheri e sali minerali, ma anche di beta carotene e licopene.

Per l’abbondanza di fitochimici cavoli e broccoli sono tra gli ortaggi più interessanti in assoluto. Tra quelli che forniscono zolfo e alti livelli di flavonoli la cipolla svolge un ruolo di rilievo, insieme all’aglio importante per le sue proprietà antibatteriche, antifungine e antiparassitarie.

Anche l’asparago contiene una grande quantità di flavonoidi come il finocchio.
Le zucchine contengono elevate quantità di carotenoidi come luteina, acidi fenolici e acido ascorbico.
Le carote oltre al carotene contengono il falcarinolo, che ha la capacità di interagire con diversi pathways enzimatici

#micronaturale #ortaggi #pathways #nutraceutica #antiossidanti #alimentifunzionali

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...