La coltivazione MICRONATURALE della lantana

Il genere lantana comprende alcune specie veramente interessanti originarie dell’America del Sud. La più nota è la L. camara, dalle vivaci infiorescenze rosso-gialle, frequente nei giardini della Riviera Ligure. Si tratta di pianta a fusto cespuglioso alto anche due metri, con foglie persistenti o quasi, ovate-acute e rugose, di color verde scuro. Non sopporta i geli e nelle stazioni fredde del nostro Paese deve essere coltivata in vaso e rientrata in serra fredda nell’inverno.

Da ricordare ancora la L. purpurea, la L. lilacina, la L. sellowiana.

Tutte le lantane si moltiplicano facilmente per seme e per talea. Servono egregiamente per formare alberelli di graziosissimo effetto, siepi basse, per decorare la base dei muri, tanto che le piante sono in fiore quasi tutto l’anno. Per conservare la vegetazione raccolta e la bella forma Delle piante occorre potare energicamente ogni anno, in primavera.

Il terreno più adatto è quello a medio impasto tendente al compatto, mentre la posizione deve essere ben soleggiata.

Consigli

– al momento del trapianto inserire nella buchetta 350g di zeolitite a chabasite, 200g di humus di lombrico e spruzzare terreno e radici con 250 ml di Ema o Gea suolo

#micronaturale #lantana #coltivazione #chabasite #zeolitite #microchaba #humus #clt #Em #Gea #Balco

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...