​IL CONTROLLO MICROBIOLOGICO DELLE VESPE

Il genere Wolbachia comprende parassiti intracellulari di numerosi insetti, un enorme gruppo che rappresenta il 70% di tutte le specie note di artropodi. Le specie di Wolbachia possono provocare vari effetti sugli insetti ospiti.
Tra l’altro, sono in grado di indurre partenogenesi (sviluppo di uova non fecondate), morte selettiva dei maschi e femminizzazione, vale a dire la conversione dei soggetti maschili in femmine.


Wolbachia pipientis è la specie più studiata di questo genere. Le sue cellule colonizzano le uova di insetti, all’interno delle quali si moltiplicano in vacuoli circondati da una membrana originata dalla cellula ospite. Le cellule di questo parassita vengono trasmesse da una femmina infetta alle progenie proprio mediante l’infezione delle uova. La partenogenesi indotta da Wolbachia ricorre in un certo numero di vespe. Nelle uova non fecondate e infettate da Wolbachia, il parassita può indurre in qualche modo un raddoppio del numero cromosomico; ciò fa si che si originino solo femmine. Se le femmine di insetti vrngono trattate con antibiotici che uccidono Wolbachia, la partenogenesi cessa.




**********************************************

Potete seguire anche il mio blog: domenicoprisa.com

scrivermi a domenicoprisa@gmail.com

pagina facebook: @dott.domenicoprisa

gruppi: microrganismi em:protocolli e applicazioni

Apicoltura Micronaturale: protocollo domenico prisa

o il canale youtube Agricoltura Micronaturale

******************************



#wolbachia #partenogenesi #vespe #controllo #micronaturale #microbiologia #domenicoprisa #innovazione

Annunci

AGRICOLTURA MICRONATURALE: TRATTAMENTO CONTRO GLI STRESS BIOTICI E ABIOTICI.

 Questo alberello di olivo era seccato, un po’ per lo stress idrico di quest’estate, ma anche per la presenza di Verticillium.


Ho iniziato a fare trattamenti microbiologici periodici (2 al mese) a base di Microrganismi ed estratti vegetali: in particolare Gea suolo e Ema alternati in diluizione (500 ml su 5 L di acqua) e ho irrigato per bene l’apparato radicale.


La pianta di olivo è rigermogliata alla base e sul tronco.


**********************************************

Potete seguire anche il mio blog: domenicoprisa.com

scrivermi a domenicoprisa@gmail.com

pagina facebook: @dott.domenicoprisa

gruppi: microrganismi em:protocolli e applicazioni

Apicoltura Micronaturale: protocollo domenico prisa

o il canale youtube Agricoltura Micronaturale

******************************

#olivo #stressidrico #verticillium #mortalita’ #disseccamento #vita #gea #em #microbiologia #micronaturale


IL BIODETERIORAMENTO DEL VETRO E DEI METALLI

Il vetro è un materiale inorganico costituito da silicati. Il deterioramento può essere causato da molti fattori, tra cui l’azione dell’acqua, anidride carbonica, inquinanti atmosferici e l’attacco biologico: funghi, batteri, licheni.

Il requisito essenziale per il biodeterioramento del vetro seono di tipo fisico: penetrazione delle ife e adesione oppure di tipo chimico: solubilizzazione, mobilizzazione, accumulo e rideposizione di elementi (Mg,Fe, K, Ca,Ag, P)


Anche i metalli d’interesse artistico possono essere attaccati da numerosi microrganismi aerobi e anaerobi. I processi di biodeterioramento avvengono quando i metalli si trovano interrati, o sommersi, ma anche quando si trovano in ambienti ad elevata umidità. In ambiente terrestre sono coinvolti batteri come i Thiobacillus produttori di acido solforico.


Il meccanismo di biocorrosione può avvenire perchè i microrganismi aderiscono ad esso e formano un biofilm oppure perchè la crescita dei microrganismi su un substrato organico a contatto con il metallo determina il rilascio di acidi organici che agiscono sul metallo stesso




**********************************************

Potete seguire anche il mio blog: domenicoprisa.com

scrivermi a domenicoprisa@gmail.com

pagina facebook: @dott.domenicoprisa

gruppi: microrganismi em:protocolli e applicazioni

Apicoltura Micronaturale: protocollo domenico prisa

o il canale youtube Agricoltura Micronaturale

******************************



#biodeterioramento #vetro #metalli #batteri #microrganismi #funghi #micronaturale #domenicoprisa

LA BIOLUMINESCENZA BATTERICA

Molte specie di organismi e batteri possono emettere luce, un processo chiamato BIOLUMINESCENZA.


La maggior parte dei batteri luminescenti è stata classificata nei generi Photobacterium, Allivibrio e Vibrio, alcune specie si trovano anche in Shewanella e Photorhabdus.


I batteri bioluminescenti abitano l’ambiente Marino e alcune specie colonizzano gli organi luminosi di alcuni pesci e calamari, producendo luce che l’animale usa a scopo di segnalazione, per evitare i predatori o attrarre le prede.


La luminescenza in molti batteri luminosi viene attivata solo al raggiungimento di un’elevata densità cellulare della popolazione batterica. 


Nei diversi habitat dove si instaurano da parte dei batteri rapporti di saprofitismo, parassitismo o simbiosi, il significato strategico dell’induzione dell’emissione luminosa in risposta alla densità di popolazione è quella di assicurare che il fenomeno luminoso si sviluppi solo quando siano raggiunte sufficienti densità cellulari, in modo da produrre un livello di luce visibile da eventuali animali.


**********************************************

Potete seguire anche il mio blog: domenicoprisa.com

scrivermi a domenicoprisa@gmail.com

pagina facebook: @dott.domenicoprisa

gruppi: microrganismi em:protocolli e applicazioni

Apicoltura Micronaturale: protocollo domenico prisa

o il canale youtube Agricoltura Micronaturale

******************************

#micronaturale #bioluminescenza #innovazione #batteri #strategie #domenicoprisa


https://youtu.be/golMUrb-A6Y

TRATTAMENTO MICRONATURALE DEL CICLAMINO

Sono specie rustiche, o semirustiche, che crescono nei boschi, sotto alberi e arbusti, soprattutto in zone montuose.

Per la maggior parte delle specie il colore del fiore è bianco, rosa o rosso.

In diverse specie i fiori producono un profumo intenso e gradevole. Per ibridazione sono state create altre due serie commerciali di ciclamini, le varietà miniatura e i midi con dimensioni Intermedie.


Che substrato utilizzare?


Solitamente utilizzo una miscela di questo tipo:


– 50% terriccio universale

– 20% pomice

– 20% zeolitite a chabasite

– 10% humus di lombrico


Come da protocollo utilizzo solitamente:


– Gea suolo o Ema in diluizione 200ml ogni litro d’acqua a vaso, trattamento ogni 15-20 giorni


**********************************************

Potete seguire anche il mio blog: domenicoprisa.com

scrivermi a domenicoprisa@gmail.com

pagina facebook: @dott.domenicoprisa

gruppi: microrganismi em:protocolli e applicazioni

Apicoltura Micronaturale: protocollo domenico prisa

o il canale youtube Agricoltura Micronaturale

******************************


#ciclamino #micronaturale #innovazione #senzachimica #megliodicosi’ #microrganismi #batteri #sviluppo #qualità #domenicoprisa



TRATTAMENTO MICRONATURALE DEL GERANIO

Il suo nome deriva da “geranos”, che significa gru, dalla forma del frutto, simile alla testa di un uccello dal lungo becco, come quello appunto di una gru.

Ciò che solitamente chiamiamo geranio sono un insieme di piante che si collegano a due generi: Geranium e Pelargonium.

Il primo è originario dell’Europa e dell’America settentrionale ed è caratterizzato da molte specie spontanee; il secondo è originario del Capo di Buona Speranza, in Sud Africa, zone a clima desertico.


L’origine del geranio ne spiega alcune caratteristiche botaniche:


– foglie di notevole spessore, coperte da peli, in grado di resistere a carenza di acqua

– radici che penetrano fino a un metro di profondità

– capacità delle radici di richiamare molti microrganismi simbionti per superare le situazioni di stress idrico e nutrizionale.


Come trattare i gerani per avere stupende fioriture?


Intanto per il substrato vi consiglio di fare una miscela del genere:


– terriccio universale 60%

– perlite o pomice 20%

– zeolitite a chabasite granulometria 3-6 mm, 10%

– humus di lombrico 10%


Una volta al mese trattamento con:


– Gea suolo o Ema , in diluizione 200ml per litro d’acqua.


Contattatemi sempre per informazioni


**********************************************

Potete seguire anche il mio blog: domenicoprisa.com

scrivermi a domenicoprisa@gmail.com

pagina facebook: @dott.domenicoprisa

gruppi: microrganismi em:protocolli e applicazioni

Apicoltura Micronaturale: protocollo domenico prisa

o il canale youtube Agricoltura Micronaturale

******************************


#Micronaturale #geranio #trattamento #Gea #Ema #Microrganismi #batteri

LA COLTIVAZIONE E DIFESA MICRONATURALE DELLA LIQUIRIZIA

In questo video vi mostro alcune delle sperimentazioni effettuate su liquirizia con tecniche altrenative a quelle convenzionali. I risultati hanno dimostrato una maggiore produzione di oli essenziali e un incremento significativo della produzione di rizomi e radici.

L’uso di microrganismi e repellenti naturali ha inoltre migliorato la difesa nei confronti di alcuni patogeni fungini


#liquirizia #micronaturale #oliessenziali #medicina #erboristeria #cura #protezione #domenicoprisa


https://youtu.be/DHTuXch7hE0