La propoli: proprietà e il suo utilizzo nell’Agricoltura Micronaturale ®

La parola “propoli” deriva dal greco pro che significa “davanti” e polis che significa “città”, in base al fatto che questo prodotto spesso viene accumulato all’ ingresso dell’alveare, strategia utilizzata dagli insetti per ridurne le dimensioni e permettere una più facile difesa della colonia dai fattori biotici e abiotici.

La propoli è una sostanza resinosa, gommosa, balsamica, prodotta dalle piante, per proteggere gli organi più delicati come le gemme a fiore e gli apici vegetativi. Dopo averla raccolta le api, la lavorano impastandola con le secrezioni (cera e saliva) e la portano all’alveare incastrandola nelle zampe posteriori.

Le piante che vengono maggiormente visitate dalle api per la raccolta della propoli sono: pioppo, betulla, ontano, carpino, platano, prugno, ciliegio, abete, pino, olmo, salice, quercia. E lo fanno ad inizio primavera, fine estate e autunno, soprattutto nelle ore più calde della giornata, in quanto le sostanze resinose diventano più malleabili.

La-propoli-proprieta-ed-utilizzi-nell'Agricoltura-Micronaturale-001La-propoli-proprieta-ed-utilizzi-nell'Agricoltura-Micronaturale-002La-propoli-proprieta-ed-utilizzi-nell'Agricoltura-Micronaturale-003La-propoli-proprieta-ed-utilizzi-nell'Agricoltura-Micronaturale-004

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...