Le simbiosi e l’importanza degli inoculanti MICROBICI

Tra le simbiosi microrganismi-piante quella fra Rhizobium e leguminose è sicuramente la più studiata, la pianta può disporre di azoto anche quando cresce sui suoli poveri e il rizobio vive in un ambiente protetto, il nodulo, avendo a disposizione carbonio organico per il proprio metabolismo.

In agricoltura si stima che la quantità di azoto atmosferico fissato per via biologica, e convertito in ammoniaca sia di 120 tonnellate ogni anno, un risparmio nell’uso di fertilizzanti azotati quantificabile in milioni di euro ogni anno.

Ciò ha reso la pratica della batterizzazione dei semi di leguminose, con inoculanti microbici specifici, ampiamente diffusa nel mondo. Gli inoculanti in commercio contengono quindi ceppi di rizobio caratterizzati da:
+ competitività in presenza di popolazioni indigene di rizobio
+ efficacia capacità di infettare, nodulare e fissare notevoli quantità di azoto
+ capacità di sopravvivere in varie condizioni ambientali
+ persistenza capacità di sopravvivere nel terreno anche oltre il ciclo colturale

#micronaturale #simbiosi #rizobi #semi #azoto #fertilizzanti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...