Coltivazione e uso della barbabietola da zucchero

Coltivazione praticata anticamente da Romani e greci, la sua importanza saccarifera risale al 1747, al chimico Margraff che scoprì lo zucchero cristallizzabile.

È una delle più importanti colture deI Paesi europei e di quelli dell’ex-Unione Sovietica.

Pianta biennale (stadio vegetativo al primo anno; stadio riproduttivo al secondo) è caratterizzata da una radice fittonante, grossa, carnosa, più o meno conica, lunga fino a 2 metri. Il fusto è corto ed eretto.

La raccolta si effettua quando nella radice si è accumulata la massima quantità di zucchero (con semina primaverilie, in settembre).

Essa consiste nelle seguenti operazioni:

  • *estirpazione delle radici dal terreno;
    *scollettatura
    *caricamento sui mezzi che trasporteranno le radici allo zuccherificio.

La resa media italiana è di oltre 400 q.li/ha contenenti il 16% di zucchero (pari a 65 q.li/ha di zucchero pronto).

Consigli di coltivazione:

  • nel processo di germinazione è possibile utilizzare Trichoderma harzianum (concia dei semi)
  • oppure bagnatura radicale con humus liquido 2%
  • durante il ciclo di coltivazione (4 trattamenti annuali con rizobatteri Em, diluizione 5 L ogni 100 L di acqua

#barbabietola #betavulgaris #zucchero #coltivazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...